Piano di Miglioramento

Scarica qui il documento

PIANO DI MIGLIORAMENTO

Scuola “San Giuseppe”

Via Solfatara, 57 80078 POZZUOLI
Tel/fax 081 5264921 e-mail: scuola@sangiuseppepozzuoli.it www.sangiuseppepozzuoli.it

RESPONSABILE DEL PIANO Dirigente scolastico: Ginestra Rita

Composizione del gruppo che segue la progettazione del PdM:

Cognome e Nome

Ruolo nell’organizzazione Scolastica

Ginestra Rita

Dirigente scolastico

Mancuso Viola

Coordinatrice didattica

De Costanzo Rosa

Insegnante Scuola primaria

Del Gaudio Rita

Insegnante Scuola primaria

Calabrese Maria Rosaria

Insegnante Scuola primaria

Minieri Vincenza

Insegnante Scuola primaria

Precchia Paola

Insegnante Scuola infanzia

Puglisi Rosalia

Insegnante Scuola primaria

PREMESSA

Pubblichiamo il Piano di Miglioramento elaborato nell’a.s. 2015-2016 e implementato in riferimento al contesto e alle specifiche esigenze in questo anno scolastico 2016-2017. Tale documento si configura come strumento efficace per il conseguimento degli obiettivi individuati a conclusione dell’autoanalisi che la scuola ha fatto dei propri punti forza e di criticità. Le finalità saranno, se necessario, modulate e implementate ulteriormente in itinere.

SCENARIO DI RIFERIMENTO

Il contesto socio-culturale. La scuola San Giuseppe è situata a Pozzuoli, in un quartiere densamente popolato con un livello sociale e culturale medio-alto. E’ il centro più importante dei Campi Flegrei. La favorevole posizione geografica, la storica tradizione di stazione termale e balneare, la presenza di monumenti antichi romani e medioevali (l’Anfiteatro flavio, il Macellum, l’anfiteatro di Antonino, la Necropoli romana…Rione Terra) fanno di Pozzuoli un importante centro turistico e commerciale. L’offerta formativa-educativa della scuola si fonda:

1. su una visione cristiana della persona chiamata a realizzarsi secondo i valori del Vangelo di Gesù, in un ambiente che ne favorisce la crescita e la maturazione nella gioia e nel servizio;

2. sulla proposta di crescita armonica e completa della persona, con particolare attenzione alle caratteristiche tipiche dello sviluppo evolutivo e alle attitudini personali, per favorire un inserimento responsabile, aperto, attivo nel proprio contesto socio-culturale-ecclesiale.
L’utenza comprende una vasta area, non solo dei residenti. Le condizioni economiche-lavorative sono buone e riguardano commercianti, professionisti, impiegati sia a Pozzuoli che nella città di Napoli.

La scuola accoglie soprattutto bambini i cui genitori sono entrambi lavoratori.
La cura e l’attenzione per ogni bambino, l’orario prolungato, la professionalità di tutto lo staff, la cura degli ambienti e l’organizzazione degli spazi rendono la struttura un valido punto di riferimento per la formazione delle giovani generazioni dell’area in cui si trova ad operare.

La scuola ha attuato dal 2012 un servizio di tutoraggio per gli ex alunni che passano alle medie. Il servizio prevede la mensa e il supporto nei compiti scolastici.

L’organizzazione scolastica. L’organizzazione scolastica della scuola primaria si basa su classi a moduli stellari nelle quali l’insegnante curricolare è responsabile degli interventi educativi e didattici ed è affiancato da docenti specializzati in lingua inglese, informatica, attività motoria, religione.
Nelle classi sono presenti alunni con Bisogni Educativi Speciali; le insegnanti curricolari progettano con le insegnanti di sostegno strategie e interventi mirati. La scuola ha avviato da diverso tempo un lavoro di equipe di riflessione e condivisione di pratiche che possano davvero definirsi inclusive, tenendo conto delle misure compensative e dispensative e da quanto previsto dalla normativa in materia.

Il tempo scuola è di 40 ore settimanali per tutte le classi. L’orario si articola su 5 giorni, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle 16,00, con la possibilità, secondo le esigenze, di uscite anticipate.

L’analisi della situazione socio-culturale-ambientale relativa al nostro territorio fa emergere i seguenti bisogni formativi prioritari:
– migliorare le competenze sociali e interpersonali;

– maturare sin da piccoli un maggiore senso civico e di partecipazione;
– conoscere e rispettare il nostro ambiente naturale e storico-archeologico particolarmente ricco; – migliorare la qualità degli apprendimenti.

PRIORITÀ DI MIGLIORAMENTO E TRAGUARDI

Nell’anno scolastico 2014/15 è stato avviato il processo di Autovalutazione che ha avuto come esito la stesura del Rapporto di Autovalutazione in ottemperanza alla Direttiva n. 11 del 18 settembre 2014, alla C.M. 47 del 21 ottobre 2014. Di seguito il quadro riassuntivo delle priorità e traguardi individuate nel RAV:

Esiti degli studenti

Priorità

Traguardi

Risultati a distanza

Ridurre la distanza tra le classi

Migliorare i processi di apprendimento e le strategie didattiche in tutte le classi

Competenze chiave e di cittadinanza

Dare spazio all’interno della progettazione alle competenze sociali e civiche per la crescita integrale dell’alunno.

Sviluppare le competenze sociali e civiche.

RELAZIONE TRA OBIETTIVI DI PROCESSO, AREE DI PROCESSO E PRIORITÀ DI MIGLIORAMENTO

Area di processo

Obiettivi di processo

Priorità

Curricolo, progettazione e valutazione.

Elaborare una progettazione curricolare unitaria attraverso unità di apprendimento e iniziative per lo sviluppo delle competenze trasversali di cittadinanza e le competenze sociali e civiche

Sviluppare le competenze trasversali di cittadinanza e le competenze sociali e civiche

Migliorare i processi di apprendimento e le strategie didattiche in tutte le classi

Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Costituire in più ambiti gruppi di lavoro formati da docenti per una maggiore crescita umana e professionale

Migliorare i processi di apprendimento e le strategie didattiche in tutte le classi

Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Fare rete con la famiglia e le altre agenzie educative del territorio, in particolare con le parrocchie e le associazioni.

Sviluppare le competenze sociali e civiche

LINEE GUIDA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

In relazione alle priorità, ai traguardi e agli obiettivi di processo e ai traguardi stabiliti nel Rapporto di Autovalutazione sono emerse le seguenti linee guida del Piano di miglioramento:

1. Promuovere esperienze formative per il corpo docente sulle diverse strategie didattiche e sulla didattica per competenze.
2.Strutturare un Curricolo verticale tra Scuola dell’Infanzia e Scuola primaria al fine di migliorare i livelli di competenze sociali e civiche;

3.Conoscere e partecipare attivamente alle proposte del territorio finalizzate a integrare l’Offerta formativa e a lavorare in rete con le altre agenzie educative del territorio per interventi più efficaci.

Criticità

– Debolezza del criterio di continuità nella strutturazione del Curricolo verticale relativamente alle competenze sociali e civiche;
– tendenza ad impostare l’intervento didattico sul contenuto piuttosto che sulla competenza;
– poca partecipazione alle reti territoriali

Punti di forza

– continuità di servizio di un gruppo di insegnanti;
-disponibilità di strutture, di spazi interni ed esterni, di materiali per la didattica;
– presenza di un gruppo di lavoro dedicato e motivato alla realizzazione del compito (ptof, curricolo, pai…);
– disponibilità del corpo docente alla partecipazione ai corsi di formazione;

– presenza sul territorio di siti archeologici e naturali di notevole bellezza.

Elenco progetti

Per sviluppare e attuare le linee generali del Piano di Miglioramento si intendono attivare le seguenti azioni progettuali:

  1. “Innovare i processi di insegnamento/ apprendimento”: percorso di formazione triennale per il corpo docente per una didattica per competenze e inclusiva;
  2. “Io cittadino nel mondo”: percorso di continuità tra scuola dell’infanzia e primaria relativo alle competenze trasversali di cittadinanza e in particolare sociali e civiche;
  3. In rete per “La bellezza della Vita”: percorso di Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie per ampliare l’ offerta formativa e partecipare attivamente alla rete di scuole\enti\associazioni promosse dalla Diocesi di Pozzuoli.

AZIONE PROGETTUALE 1:

Innovare i processi di insegnamento/ apprendimento

Descrizione del progetto

Il progetto mira al miglioramento del processo di insegnamento, attraverso azioni formative e autoformative per i docenti nell’ambito didattico e metodologico. Obiettivo strategico sarà quello di innovare i processi di insegnamento/ apprendimento per favorire una maggiore efficacia, e rendere più coinvolgente e motivante l’ambiente educativo.

Destinatari del progetto

Tutte le insegnanti della scuola primaria e dell’infanzia

Innovare i processi di insegnamento/ apprendimento

Priorità

Attivare un percorso di ricerca- azione che favorisca l’utilizzo, accanto alla didattica tradizionale, delle diverse strategie e modalità per rendere coinvolgente e motivante il processo di apprendimento.

Traguardi

Migliorare i processi di apprendimento e le strategie didattiche in tutte le classi.

Obiettivi di processo

Progettazione e attivazione di corsi di formazione nel triennio 2015-2018:

– “Una scuola competente nel valutare e certificare le competenze”;

– “La didattica della matematica” – Corso sul “Service learning”

– Favorire l’ inclusione degli alunni con BES

– “Curricolo verticale, didattica e certificazione delle competenze nella scuola dell’ Infanzia e della Primaria”

– Gestire la classe: la ricetta per un efficace ed efficiente lavoro di sostegno e potenziamento didattico.

Costituire in più ambiti gruppi di lavoro formati da docenti per una maggiore crescita umana e professionale.

Azioni

Risultati attesi

indicatori

Target atteso

1

Discernimento collegiale per definire le esperienze formative più rispondenti ai nostri bisogni.

Individuazione delle tematiche di maggiore interesse nel gruppo docente

Presenza e partecipazione dei docenti

100% dei docenti

2

Definizione del piano formativo 2015-2018

Partecipazione del collegio dei docenti

100% dei docenti

3

Individuazione dei formatori

Accordo sui formatori proposti

100% dei docenti

4

Attuazione del piano formativo

Acquisizione di competenze fruibili nella pratica didattica

Sperimentazione di metodologie didattiche innovative

Presenza e partecipazione dei docenti alle esperienze formative

100% dei docenti

5

Costituzione in più ambiti gruppi di lavoro formati da docenti

Lavoro in equipe per progettare e intervenire sul Curricolo della scuola

Partecipazione dei docenti;
nr dei progetti e iniziative attuate; proposte di modiche e miglioramenti del Curricolo

100% dei docenti

6

Monitoraggio e verifica

Incontri di verifica, di valutazione da parte delle insegnanti sulla validità delle proposte formative e sulla possibilità di attuazione nella prassi didattica.

Produzione di materiale e documenti
di progettazione condivisi dai docenti.

100% dei docenti

Esiti del progetto

Con questa azione progettuale di miglioramento, entro l’anno scolastico 2017/2018, la Scuola si propone di costituire gruppi di lavoro di docenti; di essere maggiormente attenta e competente nelle strategie didattiche ed educative per rispondere in maniera adeguata ai bisogni formativi degli allievi realizzando un contesto inclusivo.

Budget del progetto

Descrizione

Importo totale

Autoformazione attraverso Fonder e Agidaelabor

Anno 2015-2016

2240,00

Anno 2016-2017

5760,00

Anno 2017-2018

Referenti

Coordinatrice didattica Mancuso Viola Insegnante scuola primaria De Costanzo Rosa

AZIONE PROGETTUALE 2:

Io cittadino del mondo

Descrizione del progetto

Dall’anno scolastico 2015-2016 il Collegio Docenti riflette sulla necessità di elaborare un curricolo verticale tra Scuola dell’Infanzia e Scuola primaria, per quanto riguarda le competenze trasversali di cittadinanza e in particolare le competenze sociali e civiche. La scuola intende lavorare sullo sviluppo delle competenze sociali e civiche perché crede fermamente che la crescita del soggetto deve essere integrale e che il compito della scuola è quello di istruire, ma anche e soprattutto di educare l’uomo e il cittadino.

Destinatari

-Tutti gli alunni della Scuola – tutti i docenti della scuola

Elaborazione del curricolo delle competenze trasversali di cittadinanza e delle competenze sociali e civiche in continuità con la scuola dell’infanzia e con la scuola primaria

Priorità

Elaborazione del curricolo delle competenze trasversali e di cittadinanza in continuità con la nostra Scuola dell’Infanzia e la scuola primaria

Traguardi

Migliorare i livelli di competenze trasversali e di cittadinanza e le competenze sociali e civiche in base a criteri di valutazione comuni.

Obiettivi di processo

-Coinvolgimento delle insegnanti e bambini dei due livelli di scuola

-Elaborare il curricolo con riferimento alle competenze trasversali europee sociali e civiche

– Elaborare griglie di valutazione per avere criteri comuni

Azioni

Risultati attesi

indicatori

Target atteso

1

Promuovere incontri formativi sul Curricolo Verticale delle competenze trasversali sociali e civiche. Incontri sulla valutazione e la didattica per competenze

Redigere il Curricolo verticale coinvolgendo i docenti dei 2 livelli di scuola interessati.

Livello di partecipazione e gradimento delle proposte formative e coinvolgimento personale nella fase di costruzione

100% dei docenti

2

Progettare e attuare unità di apprendimento, esperienze di didattica laboratoriale di convivenza sociale e civile.

Incoraggiare autoconsapevolezza delle relazioni con se stesso, con gli altri e con il mondo.

Favorire atteggiamenti positivi di accoglienza e rispetto nelle relazioni con gli altri.

Conoscere i valori che permettono la partecipazione democratica alla vita sociale.

Livello di partecipazione e gradimento delle proposte formative;

Numero di progetti diretti a favorire l’acquisizione di competenze civiche; atteggiamenti e comportamenti sociali di rispetto, accoglienza.

100% dei docenti
e degli alunni

3

Monitoraggio e verifica

Incontri di verifica, di valutazione da parte delle insegnanti sulla validità delle proposte formative e sulla

possibilità
attuazione nella prassi didattica.

di

Produzione di materiale e documenti
di progettazione condivisi dai docenti.

100% dei docenti

4

Pubblicazione del curricolo e della proposta formativa verticale

Dotare l’Istituto del Curricolo Verticale circa le competenze trasversali e di cittadinanza sociali e civiche e renderlo condiviso e pubblico

Reperibilità e fruibilità del curricolo

100% dei docenti,

famiglie, alunni

Esiti del progetto

Con questa azione progettuale di miglioramento la scuola si prefigge, entro l’anno scolastico 2017/2018, che i docenti, nella loro progettazione delle attività educative e didattiche, abbiano come punto di riferimento il Curricolo Verticale delle Competenze sociali e civiche.

Budget del progetto

Descrizione

Importo totale

Esperti e consulenze per la formazione

Valorizzazione di risorse interne ed esterne su base volontaria

Referenti del progetto

Docente Scuola Primaria Del Gaudio Rita Docente Scuola Primaria Minieri Vincenza Docente scuola infanzia Precchia Paola

AZIONE PROGETTUALE 3

In rete per “La bellezza della Vita”

Descrizione del progetto

La nostra scuola, avendo come priorità l’integrazione con il territorio e la famiglia, ha aderito alla proposta della Diocesi di creare un patto educativo tra le agenzie che si occupano della formazione e della crescita dei ragazzi (Scuola- Chiesa – Famiglia) per attivare una progettualità che renda forte questa collaborazione, e trovare orientamenti comuni finalizzati alla educazione.

Il patto educativo si propone nel prossimo triennio (2016-2019): la riaffermazione e recupero dei Valori della Vita; attenzione verso la persona e la famiglia; contrasto alla dispersione e all’abbandono scolastici; lotta alle nuove dipendenze e apertura alla cultura dell’incontro e della solidarietà.
Le scuole e gli enti della rete si scambiano esperienze didattiche ed educative promuovendo la partecipazione e il coinvolgimento degli studenti, la conoscenza reciproca e il servizio.

Destinatari del progetto

Tutti gli alunni della Scuola
Tutti i docenti dell’Istituto – i genitori Scuole e enti del territorio

In rete per “La bellezza della Vita”. Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Priorità

Apertura al territorio, valorizzazione delle risorse interne ed esterne; acquisizione delle competenze sociali e civiche

Traguardi

Partecipazione attiva a manifestazioni, a proposte formative promosse da altre scuole, Enti, Associazioni Coinvolgimento di persone competenti per interventi formativi e didattici nelle

Obiettivi di processo

– Conoscenza delle proposte e attività presenti sul territorio. -Discernimento collegiale per definire le più adatte alla nostra realtà .

-Partecipazione attiva a eventi promossi dal Comune, da Enti e

classi o in altre realtà educative della rete.

Associazioni presenti sul territorio.
-Invito e coinvolgimento di persone esperte per particolari attività formative e didattiche.

Azioni

Risultati attesi

indicatori

Target atteso

1

Conoscenza delle proposte e attività presenti sul territorio offerte da scuole e enti della rete

Individuazione delle attività e proposte adatte alla Scuola primaria e dell’infanzia

Consapevolezza di ciò che la rete promuove

Partecipazione dei docenti

2

Discernimento collegiale per definire le più adatte alla nostra realtà

Elenco di proposte adeguate alle nostre esigenze sia da offrire che da domandare

Arricchimento dell’Offerta formativa

Partecipazione e disponibilità dei docenti

3

Presentazione della manifestazione di interesse

Disponibilità ad offrire uno o più progetti didattici ed educativi alle scuole della rete

Stilare il format della manifestazione di interesse, indicando uno dei tre ambiti di interesse (arti e ambiente, laboratori su competenze base, genitorialità), destinatari, obiettivi, attività.

Tre docenti referenti

4

Formalizzazione del protocollo di rete

Apertura e scambio di progetti

La Scuola partecipa offrendo almeno una proposta formativa alla rete del Territorio con le classi quinte e richiede due laboratori per le classi terze

Dirigente e insegnanti referenti

5

Invito e coinvolgimento dei docenti delle scuole in rete e dei referenti delle associazioni e degli enti in

Insegnamento arricchito dalle esperienze e competenze di

La Scuola invita referenti esterni nell’ambito scolastico come

Docenti e alunni

rete, per particolari attività formative e didattiche nel prossimo triennio.

persone interne ed esterne

integrazione dell’Offerta formativa; coinvolge gli alunni in percorsi didattici ed educativi nelle altre realtà del territorio.

Esiti del progetto

Con questa azione progettuale di miglioramento la scuola si prefigge, entro l’anno scolastico 2017/2018, di essere maggiormente coinvolta in attività esterne sul territorio e di contribuire con le altre scuole e le altre agenzie educative a promuovere i valori della vita, del rispetto, della solidarietà, della convivenza civile.

Budget del progetto

Descrizione

Importo totale

Docenti delle scuole e referenti degli enti, associazioni della rete su base volontaria.

Valorizzazione delle risorse interne su base volontaria

0,00 euro

Referenti del progetto

Docente Scuola Primaria De Costanzo Rosa Docente Scuola Primaria Calabrese Maria Rosaria Docente Scuola Primaria Puglisi Rosalia

La Coordinatrice delle attività educative e didattiche Mancuso Viola

La dirigente scolastica Ginestra Rita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *